Grande successo per la gerbera gialla a Rosarno

Personale scolastico

0

grasso 1

Corale è stata la partecipazione a Rosarno di studenti e docenti in occasione della “Gerbera Gialla”2015, marcia della legalità promossa dal coordinamento nazionale “Riferimenti” presieduto da Adriana Musella.

A guidare l’iniziativa, a conclusione della tre giorni in ricordo di Gennaro Musella e di tutte le vittime di ‘ndrangheta e mafia, il Liceo Scientifico “R.Piria”, diretto dalla preside Mariarosaria Russo che è anche vice presidente di “Riferimenti”.

Oltre ai tanti giovani, provenienti non solo dalla provincia di Reggio, ma dall’intera Regione (presenta anche una delegazione di 200 studenti dell’Università di Cosenza), a sfilare in corteo, lungo le vie della cittadina pianigiana, i rappresentanti delle istituzioni locali, sindaci e rappresentati del mondo della chiesa e dell’associazionismo, tra cui il primo cittadino Elisabetta Tripodi (a fare gli onori di casa) e il presidente della Provincia Raffa.

Ad aspettare i ragazzi lungo la strada, c’era invece il presidente del Senato Piero Grasso, accolto per l’occasione dal Prefetto della Provincia Sammartino, dai massimi vertici provinciali delle forze dell’Ordine e dal Direttore dell’Ufficio Scolastico regionale Diego Bouchè. Grasso che non ha mai voluto mancare a questo appuntamento, fin dai tempi in cui era Procuratore di Palermo e poi Procuratore Nazionale Antimafia, ha apprezzato la partecipazione alla manifestazione di docenti e studenti, l’impegno continuo di Adriana Musella e della preside Mariarosaria Russo. Il suo è stato un discorso lungo, partecipe e commosso, pieno di parole di speranza per un paese, Rosarno, che ha dimostrato grande umanità verso gli immigrati, in contro-tendenza col resto del territorio nazionale. Importante anche il cambiamento culturale, in termini di legalità e riscatto morale, dei giovani di Rosarno abilmente accolti e guidati dal loro Istituto scolastico.

Nel corso della mattinata, sono stati consegnati inoltre i premi Gerbera Gialla, attribuiti tra gli altri al Segretario della CEI Mons. Nunzio Galantino, al Procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo e al vigile urbano la cui testimonianza è stata decisiva per risolvere il caso dell’omicidio di Francesca Bellocco, uccisa dal figlio solo perché avrebbe intrattenuto una relazione con l’uomo sbagliato, appartenente ad un altro cosca di ‘ndrangheta.

Skip to content