Gerbera Gialla 2016

Personale scolastico

0

Lunedì’ 2 maggio, alla presenza del Presidente del Senato Piero Grasso, è stata celebrata, come ogni anno, la Giornata antimafia della Gerbera Gialla che apre a  Reggio Calabria il percorso della memoria dedicato alle vittime delle stragi di maggio, per concludersi ,poi  a Palermo .Sicilia e Calabria saranno così unite da un ponte di memoria pubblica e privata ma anche da una comune volonta’ di rinascita.

Maggio, infatti, riporta alla mente quasi in ogni suo giorno un eccidio: dalla strage di Portella delle Ginestre a Scaglione, da Musella a Basile , da Peppino Impastato a Simonetta Lamberti, da Falcone e le vittime della strage di Capaci e quelle dei  Georgofili, da Gianluca Congiusta alla piccola Mariangela Ansalone.
Da circa 23 anni, un fiore, la Gerbera Gialla, nel ricordo di una strage di maggio, quella in cui venne ucciso Gennaro Musella il 3 maggio del 1982 a Reggio Calabria, viene dedicato alle vittime della criminalita’ organizzata, trasmettendo un messaggio  di rinascita nella memoria.
Ia manifestazione ha visto alle ore 9,00 il concentramento  degli studenti in Piazza Duomo che con un corteo, guidato dagli studenti dell’Istituto “R.Piria” di Rosarno, hanno raggiunto la Questura di Reggio Calabria. Qui i ragazzi con un flash mob  hanno circondato con un allegro girotondo il Questore, dott. Raffaele Grassi, emozionato nell’accogliere l’omaggio personale di una gerbera gialla da parte di Adriana Musella, Presidente dell’Associazione Nazionale Antimafia “Riferimenti” e Mariarosaria Russo, Dirigente del “Piria” di Rosarno e Responsabile nazionale del settore scuola per la stessa Associazione “Riferimenti”.
Alle ore 10,00 si è celebrato l’incontro con il Presidente del Senato Piero Grasso, presso la Scuola Allievi Carabinieri, alla presenza delle autorità e di centinaia di studenti delle scuole della provincia reggina.
Nell’ambito dell’evento sono intervenuti gli studenti del Liceo rosarnese con commuoventi letture di poesie e monologhi, cui hanno fatto seguito le testimonianze di due docenti, la prof.ssa Ivana Malara del Piria di Rosarno e  la prof.ssa Mariella Pansera dell’Istituto Comprensivo di Lamezia, che hanno offerto racconti dettagliati sulle attività educative e le iniziative condotte in nome della legalità nelle proprie scuole. Incisivo, in tale contesto, il discorso della preside Mariarosaria Russo che ha ricordato l’impegno continuo e costante della sua scuola per la realizzazione di tutti gli impegni dell’Associazione Riferimenti, non ultimo il progetto che riguarda i terreni confiscati alla mafia a Limbadi.

Un particolare pensiero è stato dedicato al ricordo dei giornalisti caduti per mano della criminalità’ organizzata, con il coinvolgente intervento del giornalista Arcangelo Badolati che ha suscitato forti emozioni in tutta la platea.
Tra i riconoscimenti Gerbera Gialla 2016 ricordiamo infine:
per GIORNALISMO IN TRINCEA , Claudio Cordova e Antonino Monteleone, per LA CARRIERA, Gregorio Corigliano,
ALLA MEMORIA , Alessandro Bozzo, PER LA GIUSTIZIA
ALLA MEMORIA , MICHELE BARILLARO

Alle 12,30, al termine della manifestazione presso la Scuola allievi carabinieri c’è stata la scopertura di una lapide  presso la sede dell’Associazione Riferimenti,in via 25 luglio, dedicata a tutte le vittime di mafia,nel ricordo di Gennaro Musella.

Qui di seguito alcuni momenti della giornata

Skip to content